Digital Library Italiana: online tutto il patrimonio letterario

digital library italiana

Digital Library: un progetto promosso dal Ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini e finanziato dal MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) con 2 milioni di euro, per rendere digitale tutto il patrimonio italiano di biblioteche ed archivi.

digital library italia progetto

Non è poco! Parliamo di 101 Archivi di Stato e 46 Biblioteche statali che diventano digitali e alla portata di tutti. Un patrimonio cultura gigantesco fruibile direttamente dal web, tutta la storia italiana, le fotografie e gli archivi. Il progetto della Digital Library Italiana è stato annunciato ufficialmente dal Ministro Franceschi lo scorso 10 marzo, così:

Oggi ho firmato un provvedimento che verrà finanziato con due milioni di euro per la nascita della Digital Library Italiana – ha spiegato il ministro – che valorizzerà l’immenso patrimonio di immagini conservato nei 101 Archivi di Stato, nelle 46 biblioteche statali e negli archivi fotografici delle soprintendenze. Un bene ineguagliabile di enorme valore culturale che nell’era della rete ha anche un valore economico considerevole.

Credo che la Digital Library sia un progetto considerevole, interessante, importante e utile; d’altra parte, spero che si riesca a raggiungere l’obiettivo della digitalizzazione di tutto il patrimonio culturale italiano e che non sia la solita chimera. Purtroppo, di progetti culturale digitali, prima della Digital Library, in Italia se n’è parlato. Esistono già degli Istituti che si occupano di gestire i beni culturali: l’Istituto centrale per gli archivi (permette di accedere alla descrizione  del patrimonio documentario conservato da oltre 10mila istituti di conservazione e di accedere a più di 55 milioni di documenti digitalizzati) e l’Istituto per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche (permette di consultare online il catalogo unificato di circa 6.000 biblioteche e accedere a 800 mila testi digitalizzati).

Forse basterebbe uniformare questi istituti per ottenere già un grande risultato culturale digitale. Forse un nuovo progetto di portale web, però, dà la possibilità di creare qualcosa da zero. Non sarà semplice raccogliere tutto il patrimonio culturale italiano per creare la Digital Library; quello che è certo, però, è che un tale progetto, se ben realizzato, porterà un brande beneficio al nostro Stato e un avanzamento culturale di rilevanza internazionale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *